E’ bella come la mia mamma?

Ero fermo in mezzo al marciapiede e guardavo la gente che passava, nessuno si curava di me, la gente passava e spesso quasi mi urtava nel passare per la fretta.
Era un pò che ero fermo e guardavo tutti, pochi alzavano gli occhi, quasi tutti correvano guardando in basso, forse per evitare pozzanghere, buchi nel marciapiede o cacche di cane.
Sentivo una magica follia lentamente entrava dentro di me.
Ero sempre fermo, sentivo una forza crescere e salire dalla stomaco, un urlo uscire dalla mia bocca, lo sentivo crescere nello stomaco, salire nei polmoni, passare per la gola  “TI AMO,  TI AMO” .
La gente improvvisamente aveva alzato gli occhi e tutti ora mi guardavano, ora le persone mi guardavano continuando a correre, anzi, forse aumentando il passo.
Ora però nessuno mi urtava più, tutti passavano lontano e mi guardavano, alcuni dopo il primo sguardo avevano abbassato di nuovo gli occhi e si erano allontanati veloci “TI AMO” urlavo “TI AMO” sempre più forte “TI AMO”.
Una bimba mi guardava e mi sorrideva, era una piccola bimba, con occhi sereni e dolci, mi guardava dritto negli occhi, come solo i bambini sanno fare.
“TI AMO DOVE SEI, DOVE SEI”.
Continua a leggere

Annunci