Un giorno senza nuvole

Foto tramontoSu di noi nemmeno una nuvola, una luna piena ci guarda, su di noi un cielo stellato, un silenzio irreale, una stella sorride ed io penso; che bello questo cielo, che bella questa brezza che mi accarezza il viso.  Aprile è un mese magico pieno di notti magiche, questa notte non voglio dormire, voglio vivere e vedere il giorno nascere, voglio vedere la luna che lentamente si perde nel cielo. La luna, la luna io la guardo e lei, sembra guardarmi. Qualche mese fa sentivo la sua voce, mi diceva qualcosa che io non volevo ascoltare, oggi sono qui seduto di fronte a lei e mi sorride. Lei forse mi ha capito, ha capito i miei pensieri. Oggi mi sorride di nuovo e mi parla. “Gio”, sento il mio nome, sento risuolare tra le foglie dei ciliegi il mio nome. “Gio”, “vieni qui, Gio, corri qui da me, Gio ascoltami”. Lo so che cosa vuole dirmi, ma oggi non posso ascoltare, i miei pensieri devono correre avanti devo e voglio correre. Ma dove? Ho visto tante cose cara luna, ho visto la tristezza, ho sentito il cuore che piangeva, ho sentito tante voci ed ho sentito la gente sorda. Il mondo è sordo, cara luna il mondo è ceco, e poi, e poi ti accorgi che un piccolo fiore nasce, ti accorgi che una piccola stella risplende nel cielo. Vedi una gemma su un ramo e allora non puoi più fare finta di niente, incominci a pensare che forse con il tuo aiuto una gemma diventerà un fiore, pensi che se innaffierai tutti i giorni il tuo fiore o il tuo albero, lui crescerà. Guardi il cielo e cerchi di ascoltare quello che milioni di uomini non sentono, guardi la luna e ascolti, guardi un fiore e ascolti. E poi piano, piano vedi un fiore cresce, la luna sorgere tutti i giorni e ti accorgi che anche tu, tutti i giorni ti svegli e cammini. Ti accorgi di vivere tutti i giorni, ti accorgi che di fianco a te un bimbo crescere, vedi un uomo alzarsi e correre, vedi finire un amore e di fianco un sorriso di gioia che illumina di nuovo un cuore.
Ho guardato il cielo, la luna, le stelle e poi il mio cuore e ho visto che e sottile, debole, insicuro, ma pieno d’amore, ho visto che e pieno di felicità e di gioia, ho visto che è pieno di sorrisi, ho visto anche te dentro al mio cuore. E poi ho capito, ho capito che la bellezza del fiore è adesso, solo adesso poi cogliere il suo odore, solo adesso puoi vedere il colore dei suoi petali e guastare il suo colore.
Ieri era un seme o una gemma niente più e domani sarà secco o sfiorito.
Quanti fiori che mi sono perso nella mia vita, quante volte sono corso in un prato e non mi sono fermato a sentire il loro odore, a vederne la loro perfezione.
Quanti tramonti mi sono perso mentre correvo dietro a qualcosa che non esiste, qualcosa che è solo nei miei ricordi e nella mia mente.
Quante luna mi sono perso e quante volte non ho ascoltato le sue parole.
Quante sere stellate mi sono perso e quante volte non mi sono fermato a vedere la mia città dall’alto.
La città dall’alto delle sue colline, appare diversa, magica, con le luci e le sue torri che sembrano un presepe.
Ed io invece che correvo tra i suoi vicoli alla ricerca del mio cuore, della mia ragione, dei miei sentimenti, del mio orgoglio, della passione, alla ricerca della verità, alla ricerca del successo, alla ricerca di te.
Questa notte non dormirò, voglio guardare la luna fino a che lei non sparirà dal cielo, voglio vedere tutte le stelle e domani voglio sfiorare tutti i fiori, ammirare la bellezza di ciascuno di loro.
Voglio ascoltare il canto degli uccelli, voglio ascoltare il mio cuore.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...